articoli

GIOVANNI ARANCIOFEBO: ORGOGLIOSO DI FARE PARTE DELLA SCUDERIA ASD AIDA

Categoria: articoli Creato: Martedì, 15 Settembre 2020 Pubblicato: Martedì, 15 Settembre 2020

Ancora novità in casa Aida onlus. Da oggi entra a tutti gli effetti nel circuito del motociclismo su pista. L'amico Giovanni Aranciofebo cambia scuderia e approda all' ASD AIDA. Atleta paralimpico amputato al braccio destro e campione di motociclismo su pista, a breve con i colori della ASD Aida scenderà nei circuiti nelle gare ufficiali. Orgoglioso di far parte di questa famiglia dichiara Giovanni Aranciofebo alla quale sono legato da qualche anno. Siciliano della provincia di Messina, ha già preso parte a diverse iniziative benefiche negli ultimi anni con la onlus di Laureana di Borrello. È sceso in campo con la nazionale Aida Onlus e con la nazionale vip sport nella sua Sicilia per beneficenza. L' aida Onlus è felice e onorata della scelta fatta da Giovanni, commenta il presidente Reno Insardà che utilizzando i nostri colori in tutte le piste d'Italia farà capire l'importanza del motto della nostra associazione che recita "diversamente abili non significa rinunciare alla vita". Aranciofebo è l’unico in Sicilia a gareggiare assieme ai piloti normodotati. Dopo l'incidente del 31 agosto di dieci anni fa, che lo ha coinvolto a causa del quale ha perso il braccio destro si è subito rialzato e si è rimesso in “pista” con evidenti risultati di reinserimento nella quotidianità ed integrazione sociale, impegnandosi in prima persona: Un esempio da imitare.

moto16

Max Pisu «La mia comicità sempre al servizio della solidarietà»

Categoria: articoli Creato: Lunedì, 14 Settembre 2020 Pubblicato: Lunedì, 14 Settembre 2020

Max Pisu con i suoi personaggi è protagonista in tante manifestazioni

Ma oggi dice: «Noi artisti spesso ci siamo sostituiti alla Stato,

oggi anche noi abbiamo bisogno di una mano»

 

«La mia comicità sempre  al servizio della solidarietà»

Max Pisu per il grande pubblico è Tarcisio, il ragazzo dell’oratorio, disincantato, un po’ ingenuo, ma che in modo semplice racconta i fatti della vita, con una lettura per nulla scontata. È anche un Francesco Guccini, rimasto agli anni della contestazione degli anni 70. Ma Max Pisu è tanto altro, soprattutto una persona sempre pronta e disponibile a coniugare la sua arte di far divertire con la solidarietà.

Facendo un rapido giro sulla rete salta subito agli occhi il fatto che Max Pisu è presente da anni in tantissime manifestazioni di solidarietà: dalla tua Legnano, a Monza, Varese, a Riccione, a Numana, a Roma e in tanti altri posti. Che cos’è per te la solidarietà?

Quando ho iniziato a fare questo lavoro mi sono detto: sono un fortunato, faccio qualcosa che mi piace e mi dà anche notorietà, perché non fare qualcosa per gli altri? Mi ha sempre fatto bene riuscire a dare una mano a chi ha bisogno. Nel tempo ho imparato che dando agli altri si riceve molto di più.

Quando ti è nata questa voglia di dare una mano a chi ha bisogno?

Ho iniziato con l’associazione Alomar (Associazione Lombarda Malattie Reumatiche), della quale fa parte mia sorella che ha una malattia della famiglia delle artriti reumatoidi. Mi hanno chiesto di partecipare delle manifestazioni che organizzavano e da lì è partito tutto: sono diventato il loro testimonial. Prima anche nel mio oratorio a Legnano organizzavamo spettacoli di beneficienza.

Raccolte fondi per la chirurgia toracica di Monza, per l’Unicef, per l’AIrett, per Alomar Onlus.

Dal 2006 sono testimonial anche di “Mission bambini”, che prima era “Aiutare i bambini”, una associazione che si occupa di aiutare i bambini dei Paesi poveri con progetti di adozione in vicinanza, fornendo un sostegno economico a quelle famiglie extracomunitarie che, lavorando in Italia, hanno difficoltà a mantenere i loro piccoli. Un progetto molto importante di “Mission bambini” è quello di assicurare interventi al cuore per i piccoli cardiopatici, sia operando direttamente nei loro Paesi con equipe italiane sia andando a formare medici, Grazie a questo progetto sono stati salvati più di mille bambini.

E poi ancora nel 2017 lo spettacolo messo in scena a favore della famiglia Gullotta, così tragicamente colpita dall'attentato sulle ramblas di Barcellona con la morte di Bruno.

Bruno Gullotta era un mio concittadino e mi ha fatto molto piacere che siamo riusciti a riempire un teatro di 2300 posti a Legnano. Ho coinvolto tanti amici che hanno risposto tutti positivamente: da Mario Biondi a Ron, da Ale e Franz a Enzo Iacchetti a Gioele Dix e a tanti altri. La cosa mi ha colpito molto positivamente.

In queste iniziative con te ci sono molti tuoi colleghi, quindi anche il mondo dello spettacolo è sensibile a certe tematiche.

Senz’altro. Ora siamo noi dello spettacolo ad avere bisogno di solidarietà. È arrivato il momento che qualcuno pensi anche a noi. Proprio gli artisti che si sono sostituiti allo Stato, spesso latitante. Oggi che avrebbero bisogno lo Stato è ancora più assente.

Quali di queste esperienze ti hanno colpito di più. C’è un episodio o una persona che ti porti nel cuore?

Quando ci sono i bambini sono particolarmente sensibile. L’AIrett, che si interessa dei bambini dagli occhi belli, è una delle realtà che seguo molto. Sono molto legato ad Alice e sua mamma Cristiana.

 

Uno dei personaggi che ti ha fatto conoscere al grande pubblico è Tarcisio che nella sua semplicità riesce a colpire l’animo delle persone, affrontando anche temi difficili. È un po’ anche il tuo modo di essere: arrivare alle persone e stimolare la loro solidarietà con il sorriso sulle labbra.

Esatto. Anche Tarcisio nel suo piccolo accompagna le persone nelle gite a Lourdes. Penso che Tarcisio sia una parte di me, perché sul palco ognuno porta una parte della propria vita.

 

Tarcisio e Guccini due personaggi agli antipodi oppure hanno dei punti di contatto?

Sono un po’fuori dal mondo tutti e due. Tarcisio è rimasto all’oratorio, al prete e alla mamma, mentre Guccini, ovviamente si tratta di una parodia, è ancora legato agli anni 70, alle proteste di una volta.

La pandemia di Covid 19 ha cambiato la vita di miliardi di persone, impaurite e in alcuni casi terrorizzate dal virus. Questa difficili esperienze, secondo te, ci ha migliorati?

Come tutti i grossi eventi negativi pensavo che unisse le persone. Invece, dopo una prima fase iniziale di solidarietà, ho notato che l’egoismo sta prevalendo, sia a livello politico che sociale. Assistiamo, a parti invertite, anche a una divisione tra Sud contro Nord. Speriamo che si sia trattato solo di un momento di incertezza. Io sono sardo e anche il governatore della Sardegna non si è distinto per delle posizioni condivisibili. I rapporti tra le persone penso che siano diventati più problematici, appena si è usciti dal lockdown c’è stata una reazione da “liberi tutti”, nella quale molti hanno pensato di poter fare qualsiasi cosa senza alcuna attenzione o precauzione. Spero che la gente possa riuscire ad apprezzare di più cose che sono mancate, come andare a teatro, uscire con gli amici, abbracciarsi e stare vicini.

 

In questi due mesi, stando in casa hai collaborato, insieme ad altri comici ed operatori dello spettacolo, a un’iniziativa benefica. Una trasmissione condotta da Vanessa Incontrada e Claudio Bisio, dove venivano riproposti gli sketch dei nostri personaggi”. 

La cosa più importante è stata quella di rimanere in contatto con il nostro pubblico.

 

Il teatro potrà giocare un ruolo per ricominciare?

Assolutamente sì. Lo spettacolo e lo svago penso che siano fondamentali per la vita di una persona. Nel periodo di lockdown siamo stati più tristi, quasi trasformati in automi che svolgevano le azioni quotidiane in modo ripetitivo. Il teatro fa bene a tutti: a noi che saliamo su un palcoscenico e al pubblico che assiste agli spettacoli. Speriamo di ricominciare alla grande e che le regole siano chiare, ma allo stesso tempo semplici. Altrimenti organizzare uno spettacolo potrebbe trasformarsi in un’impresa complicatissima. È fondamentale che il nostro settore sia riconosciuto e come tale venga considerato e sostenuto anche dal punto di vista economico.

Cosa direbbe Tarcisio per la ripresa?

Lui ha uno spirito positivo e senza dubbio direbbe: «Adesso riprendiamo, minchia. Che ridere!».

 

Vicky Iannacone: Solamente aiutando il prossimo conoscerai la vera felicità»

Categoria: articoli Creato: Lunedì, 24 Agosto 2020 Pubblicato: Lunedì, 24 Agosto 2020

La cantautrice Vicky Iannacone è impegnata nel sociale ed è testimonial
della Onlus “Bon’t worry” che lotta contro la violenza di genere


«Solamente aiutando il prossimo
conoscerai la vera felicità»


Vicky Iannacone, originaria di Torella del Sannio (Campobasso), è una cantautrice che si sta facendo strada, grazie alla voce che lascia il segno e ai testi diretti. Ha un ottimo rapporto con un artista sensibile come Paolo Vallesi e vanta collaborazioni, tra gli altri, con Toto Cutugno e Gatto Panceri. “Fuori dagli skemi” del 2019 ha avuto più di trentamila visualizzazioni su Youtube. Ha scritto il brano “Cosa non ti torna (fai la differenza)”, per contribuire a sostenere la sua regione, il Molise, in questo momento molto particolare. Con i colleghi Antonella Biondo, Vanessa Grey, Alfio Consoli, Angela Tesone, Irene gentile, Alessio White Bear, Roby Cantafio, Isabella Biffi, e il kazako Nurusultan Abdrakhimov, i musicisti: Antonio Allegro (chitarre), Paolo Grillo (basso e batteria) i bambini Paolo e Sofia. Il videoclip è stato realizzato a Diamante, in provincia di Cosenza, da Katia Grosso, fotografa e videomaker ed è stato messo su YouTube, inserendo il codice Iban dell’Ordine dei medici del Molise per acquistare il materiale necessario per l’emergenza Covid-19.

Ci spieghi come è nata l’idea?


L’idea è nata durante i giorni di quarantena, ma non l'avevo pianificata. Ho scritto questo brano per lanciare un messaggio cercando la positività in un momento molto particolare che si stava attraversando, da qui poi ho pensato in che modo potessi essere utile per aiutare in un momento così importante di emergenza, e ho deciso che con questo brano, in collaborazione con alcuni miei colleghi, si poteva contribuire al sostegno dei medici in prima linea della regione Molise. Allora abbiamo attivato una raccolta fondi che in qualche misura potesse sostenere il loro prezioso lavoro.

Con un video, con una canzone, si può fare molto, soprattutto a favore di chi è impegnato a difesa della salute di tutti.


Beh, immagino di sì. Le canzoni come i video sono mezzi di comunicazione molto importanti, perché in relazione al messaggio lanciato possono essere di grande aiuto. Si tratta comunque di condivisione, di offrire una parte di sé a quanti possano o vogliano attingerne.
Sei un’artista che, partita dagli studi della musica classica, ha fatto tanta gavetta, ottenendo riconoscimenti lusinghieri.

Il tuo primo singolo del 2014 “È colpa tua”, poi titoli come “Ansia” e “Al centro”. Un percorso che continua con grande impegno.


Certamente la formazione classica è lo zoccolo duro di tutto il mio percorso. Senza questo punto di partenza non avrei forse mai avuto quella certa consapevolezza necessaria per riconoscermi e seguire fino in fondo le mie inclinazioni. Infatti in generale la formazione è un passaggio che consiglio a chiunque voglia intraprendere qual si voglia carriera artistica, ché solo attraverso la disciplina e i buoni maestri si può individuare il vero sé e perseguirlo,

Con “Come fosse il primo giorno” affronti il tema della violenza sulle donne e sei diventata socia onoraria e testimonial con Francesco Coco della Onlus “Bon’t worry”per lottare insieme contro la violenza di genere.


Sono orgogliosa di questi riconoscimenti perché sottolineano la sensibilità e l'attenzione dimostrata nei confronti del mio impegno contro questa piaga. Siamo dentro una realtà divisa tra il matriarcato e il maschilismo, e dunque inevitabilmente il limite mentale estremo di chi considera la donna un oggetto o essere inferiore, in contrasto con  delle tradizioni familiari così forti, non può portare in modo spontaneo ad un riequilibrio dei ruoli e ad un rispetto della libertà di genere, ma è piuttosto necessario che le intelligenze di tutti si applichino per capire un concetto determinante quanto basilare e forse banale: nessuno appartiene a nessuno e, presa coscienza di questo, ognuno deve poter vivere libero e nel rispetto di tutti.

Cosa significa per te solidarietà?


Amarsi e amare. La vita non avrebbe senso se non ci fosse l'amore. Ma amare non è semplicemente un sentimento nutrito verso qualcuno o verso qualcosa, la differenza la fa il modo. Non basta amare, bisogna saper amare. E la solidarietà è una grande prova di amore.

C’è stato un momento della tua vita che ha significato una svolta?


Ce ne sono stati diversi, ma sicuramente diventare socia onoraria per la Bon’t worry contro la violenza di genere, è stata una cosa che mi ha dato tanto in termini di ritorno etico e morale. Una svolta interiore sicuramente, ma è da dentro che si innescano in grandi cambiamenti; è da dentro che si percepisce la vera libertà, soprattutto quella intellettuale.

Questa energia che ti torna indietro la ritroviamo anche nelle tue canzoni?


Sì, diciamo che nelle mie canzoni troviamo molte cose che riguardano l’energia che nel tempo e con l’esperienza ho acquisito. Un'energia sempre al servizio della musica e del bene comune.

C’è una canzone, in particolare, che rappresenta tutto questo?


Direi di sì: "Come fosse il primo giorno" e "Cosa non ti torna (fai la differenza)", proprio per il senso civico e sociale che nel mio piccolo ho tentato di trasmettere.

C’è stata un’esperienza che ti ha colpito di più?


Ogni esperienza è stata bella e a suo modo interessante e diversa, per cui ho sempre vissuto tutto con molto entusiasmo, ogni volta. Perché in ogni esperienza, finora, c'è sempre stato un riscontro umano importante, forse anche nel male (che non sempre viene per nuocere); e non c’è niente di più bello di sapere che in qualche modo, ogni volta, da qualche parte, sono entrata nella testa di qualcuno lasciandogli una suggestione su cui riflettere.

Come reagisce il suo pubblico davanti a questo suo impegno?


Il mio pubblico spero sia felice e che, quando ho un buon messaggio da trasmettere, si faccia, come dire, "condizionare" da quanto, umilmente ma in modo molto determinato, decido di offrire. Io, del resto, è dal mio pubblico, e dalla sua passione, per me che prendo esempio.


«Ho sogni duri come le rocce perché la vita non li possa distruggere» è una delle frasi che ti rappresentano?


Sì molto; è una frase che mi rispecchia perché io sono una persona, come dicevo, molto determinata. Molte volte, o forse sempre, nella vita si devono fare delle scelte, e inseguire un sogno non è sempre facile, allora bisogna essere forti, coraggiosi e determinati, solo così si potrà - scusa se mi autocito - "fare la differenza".

L’impegno di Ferdinando Morabito, tesoriere dell’AIDA onlus «Donare è il più bel modo di ricevere»

Categoria: articoli Creato: Venerdì, 11 Settembre 2020 Pubblicato: Venerdì, 11 Settembre 2020

 

L’impegno di Ferdinando Morabito, tesoriere dell’AIDA onlus

«Donare è il più bel modo di ricevere»

Ferdinando Morabito, meglio conosciuto come “Nandino”, è una di quelle persone alla quali ci si rivolge quando ci si imbatte nella giungla fiscale, che muta periodicamente, e nella quale solo persone competenti come lui riescono a districarsi. Grazie alla sua competenza “Nandino” segue e tiene in ordine i conti della AIDA onlus, della quale è il tesoriere. Dal 2009, infatti, lui è uno della grande famiglia dell’Aida: «Tutto è iniziato – ricorda- dopo aver ascoltato quanto mi raccontava l’amico fraterno Reno Insardà, presidente dell’AIDA. Seguendo le attività svolte da lui e dagli altri ragazzi, l’impegno il sacrificio profuso nell’organizzare e gestire le varia iniziative, gli spostamenti in giro per l’Italia è stato per me naturale abbracciare il progetto. È stato Proprio Reno a volermi all’interno dell’AIDA, credendo fortemente in me e dandomi piena fiducia. Ho ricoperto il ruolo di vice presidente che ho lasciato con piacere a Enza Petrilli lo scorso anno. Ad oggi ho un ruolo importante all’interno della Onlus sono tesoriere e curo anche i rapporti con gli Enti».

Per lui la solidarietà ha una ricetta molto chiara: «Impegno etico-sociale a favore di altri, un grande valore sociale che consente a tutti noi di sentirci bene nell’animo solo per aver regalato un sorriso oppure una semplice gioia».

Questi dieci anni di partecipazione alle attività dell’AIDA Ferdinando Morabito li porta tutti nel suo cuore: «Non c’è un episodio in particolare, potrei citarne qualcuno giusto per rendere l’idea. Il primo evento a cui ho preso parte e stato nel 2010 a Reggio Calabria, poi Palermo, Rimini, Roma e poi di seguito ci sono tante esperienze e tante persone che ho conosciuto e che mi hanno dato tanto sia sotto il profilo personale che umano. Come ho detto prima nell’Aida onlus mi occupo più della parte amministrativa, rispetto ad altri colleghi a causa del lavoro non ho la possibilità di prendere sempre parte direttamente agli eventi. Anche se mi occupo dell’organizzazione degli stessi li seguo a distanza e naturalmente quando ho la possibilità mi aggrego volentieri».

Esperienze che arricchiscono le persone come conferma “Nandino”: «Impari sempre cose nuove vedi delle situazioni che sembrano paradossali, ma la tenacia dei ragazzi diversamente abili ti danno insegnamenti importanti e la forza di impegnarti sempre di più nel campo della disabilità e solidarietà».

Un impegno che Ferdinando Morabito affronta con piacere e a chi vuole avvicinarsi al mondo della solidarietà dice: «Piu che un consiglio preferisco fare un invito all’opportunità di mettersi in gioco con le proprie competenze, le proprie energie e la propria personalità. Donare è il più bel modo di ricevere».

11951194 1487959114847860 8330877472859724369 n

 

L’attore Massimiliano Buzzanca ci racconta la sua idea di solidarietà

Categoria: articoli Creato: Mercoledì, 19 Agosto 2020 Pubblicato: Mercoledì, 19 Agosto 2020

L’attore Massimiliano Buzzanca ci racconta la sua idea di solidarietà

 

«La minoranza solidale è più forte della maggioranza egoista e chiassosa»

 

Buzzanca, basta la parola”, parafrasando una pubblicità del vecchio Carosello. E sì con Massimiliano Buzzanca si è immersi direttamente nel mondo dello spettacolo. E lui è una persona che non si tira mai indietro, nel suo sangue scorre l’arte di famiglia e la generosità del Sud.

Massimiliano Buzzanca e la solidarietà: quale scintilla è scattata?

Nessuna scintilla, credo che sia umano contribuire a dare una mano a chi sta peggio di noi, soprattutto se si fa un mestiere che amplifica ogni tuo piccolo gesto verso il mondo. Il nostro è un mestiere capace di smuovere le masse e anche di indirizzare le coscienze, quindi penso che sia anche nostra responsabilità dare segnali positivi di solidarietà e coscienza sociale e questo è qualcosa che mi è stato insegnato dai miei genitori.

C’è stato un episodio particolare della tua vita che ha fatto nascere questa voglia di impegnarsi per gli altri?

Avevo non più di otto anni, tornavo a casa con mio padre e mia madre e dentro il nostro portone, anzi proprio nel nostro sottoscala, abbiamo visto un uomo che dormiva accucciato sulle scale. All’inizio mi sono spaventato, mia madre voleva addirittura chiamare qualcuno per farlo mandare via, papà, invece, memore di quando nei primi anni a Roma soffriva la fame e faceva la stessa cosa, gli ha chiesto chi fosse, gli ha detto che per quella notte poteva continuare a dormire lì dentro al caldo e poi, se non ricordo male, gli ha dato dei soldi e siamo andati a casa. Il giorno dopo non c’era più.

Quando hai iniziato a interessarsi di chi ha bisogno?

Più o meno da sempre, te l’ho detto prima, ho avuto una famiglia che mi ha insegnato certi valori sociali, ad essere presente per gli altri e soprattutto a non essere egoista.

Sei sempre disponibile a partecipare a manifestazioni e spettacoli di beneficenza: è più un ricevere o più un dare?

Devo essere sincero, non è solamente per una questione di beneficienza, spesso mi diverto anche a partecipare a certe manifestazioni, soprattutto quando ci sono le partite di beneficienza di calcio. Sono un attore, se mi chiedi di esibirmi, mi rendi l’uomo più felice del mondo. Se poi lo faccio per una buona causa; c’è ancora un altro aspetto: il sorriso delle persone per cui ti esibisci o partecipi alle manifestazioni, è talmente avvolgente che è più un ricevere che un dare.

La pandemia di Covid 19 ha cambiato la vita di miliardi di persone, impaurite e in alcuni casi terrorizzate dal virus. Come l’hai vissuto e lo stai vivendo?

Come tanti, senza eccessive ansie e cercando di fare il mio per evitare che il contagio possa propagarsi. Poi ho cercato di non far pesare troppo né a Raffaella, né ai suoi ragazzi l’isolamento inventandomi ogni giorno qualcosa di nuovo da fare, anche se dopo un po’ le idee cominciavano a mancare.

Ci spieghi come è nata l’idea de "L'Estate di San Lorenzo"?

Non è un’idea mia, ma del regista Enrico Maria Falconi che ha scritto anche il testo. Durante il lockdown ha chiamato me e altri attori (Ester Botta, Stefano Scaramuzzino, Martina Valentini Marinaz, Claudio Scaramuzzino e Ramona Gargano) e ci ha chiesto la disponibilità per fare una serie di letture del testo, rigorosamente tramite una piattaforma tipo Skype. Abbiamo accettato e da lì è iniziata quest’avventura.

Una iniziativa nuova nel mondo dello spettacolo che sta avendo successo: come lo spieghi?

Con il desiderio di non fermarsi e di continuare a lavorare nonostante tutto. Inoltre c’è voglia di fare arte e soprattutto di vedere cose nuove.

Il mondo dello spettacolo è uno dei settori che ha maggiormente subito il lockdown: questa vostra idea trasforma tutti in protagonisti e il crowfunding li rende partecipi in prima persona.

In effetti è così, alla fine delle prove si ha anche il riscontro e il confronto diretto del pubblico e devo dire che sono anche dei critici competenti e utili per migliorare le nostre prestazioni e le interpretazioni.

Massimiliano Buzzanca è attore, regista e anche scrittore: che cosa rappresenta per te “Che cinema la vita”.

Un modo molto utile di esorcizzare alcune esperienze fatte nella mia vita, oltre che un goffo tentativo di raccontare la nascita di una storia d’amore. Ti confido un segreto, il primo capitolo l’ho scritto poche settimane dopo essermi messo insieme a Raffaella e sulla spinta emotiva dell’amore che stava nascendo per lei. Poi se leggi il libro il personaggio di “Ella” è presente e costante per tutta la storia, in pratica “Che Cinema è la Vita” è dedicato al mio amore per Raffaella.

E il domani di Massimiliano Buzzanca: sei ottimista sul dopo Covid?

Dal punto di vista lavorativo sono scettico, ci vorrà molto tempo prima che il nostro settore torni alla normalità, abbiamo accusato un duro colpo e quei pochi fortunati che già lavoravano tanto, continueranno a farlo e non avranno subito granché. Il problema grave è per quei tantissimi che già lavoravano poco prima, che rischiano di essere messi al tappeto.

Pensi che le persone dopo questa emergenza abbiano capito che essere meno egoisti può servire?

Vorrei essere ottimista, ma da quello che leggo nei social, purtroppo, la vedo male. L’essere umano è una razzaccia e, come ha scritto qualcuno molto più saggio di me, “la storia non ci insegna nulla”, continuiamo a fare sempre gli stessi errori, vale per le guerre e varrà anche per il post pandemia. Probabilmente ci saranno tante persone che saranno molto più sensibili e meno egoiste, ma solo perché era nella loro indole già prima del 4 marzo. È anche vero che la minoranza silenziosa, spesso e volentieri, può essere più rumorosa della maggioranza chiassosa, soprattutto se l’intenzione è quella di migliorare la razza umana.

BUZZANCA2

La vita di Astutillo Malgioglio: dalla serie A al campionato più importante della sua vita

Categoria: articoli Creato: Martedì, 08 Settembre 2020 Pubblicato: Martedì, 08 Settembre 2020

 

La vita di Astutillo Malgioglio: dalla serie A  al campionato più importante della sua vita

 

«L’amore che ricevo dai disabili  è più potente di un calcio di rigore»

«Carmen, Alberto, Ester, Rosy, Massimo, Gabriele, Gianni e tanti altri ancora. Sono i miei ragazzi, quelli che mi hanno dato tanto rispetto a quel poco che ho potuto fare e faccio per loro. Purtroppo alcuni non ci sono più. Ricevo talmente tanto e penso anche di non essere meritevole. Non posso essere neanche orgoglioso e pieno di me stesso, chiedo sempre a Dio di essere l’ultimo e di lottare per rimanere sempre ultimo». A parlare così è Astutillo Malgioglio, un passato da calciatore, ma una vita impegnata (43 anni) a dare una mano a chi ha bisogno, soprattutto ai disabili. Lui, con quel nome particolare, negli anni 80 era molto popolare tra i tifosi e i ragazzini che collezionavano le figurine Panini. Un nome che non si dimentica, così come la sua faccia sorridente, accompagnata da due baffoni e un fisico statuario. Cresciuto nelle giovanili della Cremonese, passò al Bologna e si affermò nel Brescia dove fu promosso in serie A con la stessa squadra lombarda nel 1980. Nella sfortunata stagione successiva, il Brescia retrocesse. Tra il 1979 e il 1980 è stato convocato da Azeglio Vicini nella Nazionale di calcio dell’Italia Under-21 e ha partecipato al Campionato europeo di calcio Under-21 del 1980. Nell’82 a Pistoia e nell’estate ’83 a Roma. Nella formazione di Eriksson, Malgioglio trovò poco spazio, ma persino peggio gli andò con la Lazio, l’anno dopo. Aveva deciso di ritirarsi, ma Trapattoni lo richiamò all’Inter nel 1986. Cinque anni magnifici, uno scudetto e una coppa Uefa, da secondo a Walter Zenga, nell’Inter dei record con Matthäus, Beppe Bergomi, Aldo Serena, Andreas Brehme e Riccardo Ferri. Ma anche quella di Alberto Rivolta, lo sfortunato calciatore affetto da ependimoma midollare, un tumore rarissimo del sistema nervoso centrale che lo ha portato alla morte il 3 novembre del 2019. Quel giorno a salutarlo c’erano moltissimi suoi ex compagni, tra tutti Astutillo Malgioglio che gli è stato vicino fino alla fine, come aveva ricordato lo stesso Rivolta in un’intervista a Fanpage.it un mese prima di morire: “Pensi, qualche giorno fa è venuto Baresi. Malgioglio passa tutte le settimane. E poi Riccardo Ferri, Ciocci, insomma gli amici non mi hanno dimenticato. Poi è venuto anche Patrizio Sala, non me lo sarei mai aspettato”. Sì, lui ci andava ogni settimana, Alberto era uno dei suoi ragazzi, faceva parte della sua famiglia, quella nata nel 1977, quando decise si fondare l’associazione “Era 77”.

 

Che cosa è stata “Era77” e come è nata?

Si chiama così perché sono le iniziali dei nomi di mia figlia (Elena), mia moglie (Raffaella) e mio (Astutillo) ed è successo tutto nel 1977: mi sono sposato, è nata mia figlia così come l’associazione. Penso che ci sia una predisposizione a che certe cose accadano, che scocchi la scintilla. Ho incontrato la persona giusta, mia moglie, ma quando ci siamo conosciuti non pensavamo di far qualcosa per i disabili. Avevamo dentro di noi una spinta a voler aiutare gli altri. Questo sì.

 

Un’idea che è diventata realtà.

Abbiamo incontrato il mondo della disabilità e da lì è partito tutto. Io allora giocavo a Brescia e mia moglie studiava all’Isef. Abbiamo conosciuto una persona che le ha offerto l’opportunità di insegnare in una classe di oltre 30 disabili. E poi abbiamo cominciato a lavorare e a impegnarci per aiutare questi ragazzi. Abbiamo preso un nostro locale a Piacenza con una palestra ed è partita l’associazione “Era77” con una palestra che ha funzionato fino al 1995. La nostra idea era quella di mettere a disposizione dei ragazzi strutture e assistenza gratuitamente. Da subito abbiamo pensato di non fare semplicemente volontariato, ma iniziare un percorso nostro, utilizzando metodologie scientifiche sulla cura dei bambini con lesioni celebrali.

 

E tua figlia vi ha seguito in questa vostra attività?

Sin da piccola era in palestra, ha sempre avuto una ottima predisposizione verso i nostri ragazzi. Ora si è sposata, ma se qualcuno ha bisogno non si tira indietro e continua a darsi da fare per aiutare gli altri.

 

In quegli anni tu però eri in giro per l’Italia a giocare a calcio.

Sì, ma in ogni città dove ho giocato (Brescia, Pistoia Roma) abbiamo sempre continuato a fare assistenza. Ci conoscevano e con il passaparola i ragazzi chiedevano di essere assistiti. Quando sono andato a giocare all’Inter ci siamo concentrati sul nostro centro di Piacenza.

 

E dopo il 1995 che cosa è successo?

Io avevo smesso di giocare e abbiamo deciso di continuare assistenza ai ragazzi disabili a domicilio. Mia moglie Raffaella dopo il diploma Isef si è specializzata in psicomotricità con i bambini disabili e io sono diventato assistente all’infanzia da zero a tre anni. Una attività che continuiamo ancora a fare. Certo quando si fa assistenza domiciliare non si possono avere troppe persone da seguire, perché è complicato. Fino a poco tempo fa seguivamo sei persone, purtroppo due sono morte l’anno scorso, e ora sono quattro. Essendo malati gravi, lungo il cammino qualcuno ci lascia.

 

C’è una persona o un episodio che ti porti nel cuore?

Ho avuto talmente tanto dagli altri che mi sento appagato. Mi considero una persona fortunata, una tra le più fortunata al mondo. Tutti i ragazzi mi hanno colpito e mi sono rimasti dentro. Se proprio devo indicarne uno mi fa piacere ricordare Massimo che purtroppo non c’è più. Quando è morto aveva 14 anni era malato di distrofia muscolare grave. La cosa che mi colpiva di lui è che tutti i giorni dava forza alle persone che gli stavano vicino, a partire dai suoi genitori. Era incredibile. Sapeva che a qualcuno piaceva il ciclismo, per esempio, e lui si studiava tutto sull’argomento per poi parlarne e coinvolgere la persona. E così per le cose che potessero interessare i suoi amici. Faceva tutto per gli altri. Si donava completamente.

 

L’essere cattolico ha giocato un ruolo in questo tuo percorso?

La fede in Dio è stata determinate. Penso che quando sei strumento di Dio ti muovi in un certo modo nella tua vita e se non hai amore per gli altri, così come loro te ne danno non ti senti libero e realizzato. Io mi sento proprio appagato, libero e a disposizione degli altri.

 

Che cosa è stato invece il calcio per te

Quando ero ragazzo, essendo nato in un quartiere popolare, era tutto: divertimento, aggregazione, amicizia. Non avevamo nulla e per noi era fondamentale. Poi ho iniziato a giocare nei settori giovanili, mi divertivo tanto. Diventato professionista le cose si sono complicate, cominciavo a sentirmi limitato. Non vedevo più lo sport come divertimento, ma in quell’ambiente i valori erano diversi: la notorietà, i soldi e il lusso. Tutte cose che nulla hanno a che fare con il gioco e il divertimento.

 

Quando giocavi eri considerato una persona particolare, oggi una persona speciale. Tu come ti sentivi allora e come ti senti oggi?

Quando ero nel mondo del calcio specialmente per i dirigenti e per alcuni allenatori ero un problema da gestire e sopportare. Mi sono sempre impegnato, mi allenavo seriamente, non ho mai saltato un allenamento. In quel mondo le persone sono poco considerate, si punta tutto sull’aspetto tecnico e dei risultati. Quando tutto va bene sei considerato e anche osannato, poi nei periodi di flessione vengono fuori i problemi.

 

Hai avuto tanti allenatori, chi ha capito l’uomo Astutillo Malgioglio?

Uno solo: Giovanni Trapattoni. Non c’era bisogno di parlarsi, bastava uno sguardo. Io per lui ero indispensabile in quell’Inter che, sotto la sua guida, vinse lo scudetto nel 1989 e la Coppa Uefa nel 1991. Qualcuno può pensare che Trapattoni fosse impazzito, ma era proprio così. Mi stimava come portiere, altrimenti non sarei potuto stare in quella squadra di campioni, ma ero determinante sia all’interno dello spogliatoio sia per lui. Penso che quello che mi ha dato Trapattoni in quei cinque anni sia stato davvero tanto. Se sono riuscito a sopravvivere ancora nel mondo del calcio è stato proprio grazie a lui. Dopo l’episodio della Lazio volevo mollare tutto.

 

Ecco, parliamo di quella domenica 9 marzo 1986 allo stadio Olimpico. Vieni contestato dai tifosi della Lazio che ti ritengono colpevole della sconfitta e insultano te, la tua famiglia e il tuo impegno per i disabili. Ti togli la maglia, ci sputi sopra, la getti a terra e la calpesti. Un gesto che nessuno si aspettava da un uomo buono e mite come te.

Una bruttissima giornata per me. Ho sbagliato, ho fatto un gravissimo errore, ne risponderò a Dio. Purtroppo è successo. Non ce la facevo più, avevo addosso una pressione incredibile. Volevo mollare tutto. Per fortuna è arrivato Trapattoni…

 

Quando eri all’Inter tra i tuoi compagni c’era Jürgen Klinsmann che un giorno, dopo l’allenamento, è voluto venire con te a Piacenza a conoscere i ragazzi di “Era77”.

Klinsmann è stato fortunato a incontrare i miei ragazzi. Sono contento per lui. La cosa importante, come ho cercato di spiegare più volte, non è stata la donazione di 70 milioni che ha fatto all’Associazione, ma quello che ha ricevuto lui. Un’esperienza che lo ha cambiato soprattutto come uomo. All’epoca io giocavo, quei soldi non mi cambiavano la vita. Mi fa piacere per lui che si sia saputo della sua generosità, così la gente lo ha apprezzato anche fuori dal campo.

 

Sei rimasto in contatto con lui?

Da quando ho smesso, nel 1993, l’ho sentito tre volte. L’ultima volta che è venuto in Italia mi ha chiamato. Ma ripeto, sono contento per il suo cambiamento come uomo e mi fa piacere che in questa “conversione” io abbia giocato un piccolo ruolo.

 

E con gli altri tuoi compagni di squadra?

Quando c’era a Piacenza il centro “Era77”, alcuni sono venuti a visitarlo. Nei miei cinque anni all’Inter saranno venuti due o tre volte. Il povero Enrico Cucchi (morto nel 1996 per un melanoma) era una persona straordinaria, molto ben disposta moralmente. Purtroppo è mancato troppo giovane. Ultimamente mi chiama Riccardo Ferri. Non parliamo di calcio, ma di altre cose. Evidentemente ne sente il bisogno e trova in me la persona giusta con cui parlare e la cosa mi fa piacere.

Il calcio lo segui ancora?

Guardo le partite in tv, perché è uno sport che mi piace tantissimo. Tempo fa ero stato contattato per conoscere la mia opinione sulla vicenda del taglio degli stipendi dei calciatori in questo periodo. Per me non sono giudicabili, anche perché se il problema viene fuori in un momento di emergenza come questo, significa che c’era qualcosa che non funzionava già da prima. Se i calciatori sono arrivati a guadagnare certe cifre vuol dire che si è sbagliato prima. Se Messi o Ronaldo hanno ingaggi milionari la colpa non è loro, ma di tutto il sistema calcio che al di là del loro talento calcistico ha costruito un business moralmente discutibile.

 

La pandemia di Covid 19 ha cambiato la vita di miliardi di persone, impaurite e in alcuni casi terrorizzate dal virus. Sei ottimista per il futuro?

Una delle cose che mi ha colpito guardando le statistiche delle vittime è che non si parla mai di disabili. Dopo tutti questi anni di lavoro con queste persone mi sono reso conto che spesso i disabili sono percepiti come un peso e ora ancora di più il valore della loro vita è poco considerato, quando si pensa a loro la morte è già scontata. Al di là dell’aspetto sanitario, con questa emergenza la situazione delle persone che hanno bisogno è peggiorata ancora di più. Posso immaginare come stanno vivendo queste persone, ma viverla sulla propria pelle è tutta un’altra storia. A questi si aggiungono quelli che non sono mai stati in difficoltà. Anche per loro, quindi, è diventato fondamentale sopravvivere. In questi casi purtroppo, come ha avvertito anche il Papa, c’è il timore e il rischio che possa subentrare l’egoismo. Spero che le cose possano cambiare, di persone buone ce ne sono tante e la salvezza del mondo e dell’umanità si basa su quelli che danno anche la loro vita per gli altri.

 malgioglio

Sarah Maestri, un’attrice di successo, al fianco di chi ha bisogno e con la sua vita, raccontata in “La bambina dei fiori di carta”

Categoria: articoli Creato: Lunedì, 17 Agosto 2020 Pubblicato: Lunedì, 17 Agosto 2020

Sarah Maestri, un’attrice di successo, al fianco di chi ha bisogno e con la sua vita, raccontata in “La bambina dei fiori di carta”

 «Solidarietà è vivere in unità, nessuno di noi è un'isola»

Ogni anno il suo volto semplice e tranquillo è una sorta di viatico per migliaia di maturandi. Sarah Maestri, infatti, presta il volto ad Alice Corradi in “Notte prima degli esami” e li accompagna nelle ultime ventiquattro ore di ansia e di tensione che li separano dagli esami di maturità. L’attrice, nata a Luino, è diventata popolare oltre che con il film di Fausto Brizzi e il suo sequel, anche per alcuni ruoli in soap di successo (“Vivere” e “CentoVetrine”, con il quale ha vinto nel 2003 la Telegrolla d’oro quale migliore attrice di soap opera) e nel cinema (“I cavalieri che fecero l’impresa” e “Il cuore altrove” di Pupi Avati e poi “Dietro il buio” di Giorgio Pressburger, “Il pretore” con la regia di Giulio Base, fino ai recenti “Come saltano i pesci” di Alessandro Valori, “Frontaliers disaster” di Alberto Meroni e “Succede” di Francesca Mazzoleni). Nel 2009 ha pubblicato il romanzo autobiografico “La bambina dei fiori di carta”, diventato anche uno spettacolo teatrale. Oltre a fiction, teatro, cinema e radio, è anche opinionista in trasmissioni calcistiche, tifosa del Milan e madrina del Varese.

Sarah Maestri è “La bambina dei fiori di carta”. A tre anni le diagnosticarono una grave patologia emolitica, con sospetta diagnosi di leucemia. Cosa significa crescere in un reparto di oncoematologia?

Come narrato nel mio romanzo, per assurdo, ho ricordi solo felici di quei momenti. Certo la biopsia ossea, le trasfusioni, le punture lombari, sternali, non erano piacevoli, come del resto quel sapore di morte che mi soffiava attorno, ma avevo la mamma con me. I suoi occhi pieni d'amore tutti per me, 24 ore su 24 hanno reso quei momenti comunque speciali. Veniamo al mondo per amare ed essere amati, ed io in quel momento ero davvero tanto amata.

 E infatti ce l’ha fatta: è arrivato il successo e tante soddisfazioni professionali. Un bel risultato.

Ho realizzato entrambi i miei sogni di bambina, quello di vivere e quello di recitare… Sì, un bel risultato!

 La malattia però continua ad accompagnarla: come la sta affrontando ora?

Con la consapevolezza di una persona adulta. Ho finalmente una diagnosi, una terapia e questo mi fa vivere serena. La fede mi ha insegnato a vivere il presente e, l’importanza delle cose, mi godo il momento certa che c'è qualcuno che mi ama al punto di dare la vita per me.

 Cimentarsi con questo tipo di difficoltà significa anche credere in qualcosa?

Non penso siano le difficoltà della vita a regalarti la fede, io ad esempio ho avuto il dono della conversione nel momento del successo dopo il film “Notte prima degli esami”.

 Perché la fede per lei è importante?

È faro di luce nell'oscurità del mondo, è conforto, guida sicura, ma soprattutto amore…, quando prego chiedo al Signore di donarmi ogni giorno la fede, spero di non perderla mai. La fede ti aiuta a vedere le cose sotto un punto di vista differente, se non avessi fede la vita sarebbe insopportabile.

 E la solidarietà che cosa significa?

Gesù ci ha donato un comandamento: amatevi gli uni con gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la propria vita per gli amici. Solidarietà è vivere in unità, nessuno di noi è un'isola, lo diceva anche Hemingway. Inoltre l'essere solidale è un dovere sancito anche nell'art. 2 della nostra Costituzione.

 Cosa spinge secondo lei le persone ad aiutare chi ha bisogno?

Dare è l'unico modo per raggiungere la persuasione, tutto dare senza nulla avere scriveva Carlo Michelstaedter, ed io la penso così. Poter dare significa ricevere il centuplo, anche la parola di Dio è chiara in tal senso: "Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio”.

 Lei è molto impegnata nel sociale, sia con l’associazionismo cattolico che con l’Avis, ma anche per i diritti dei bambini orfani nei paesi dell’Est, battendosi in prima linea a favore delle adozioni.

Mettere il proprio talento al servizio degli altri è il mio motto, ho ricevuto tanto ed è giusto e doveroso impegnarsi in favore degli altri. Inoltre nel dare ricevo il centuplo in gioia quindi assicuro che ne vale la pena.

 Lei è anche membro sia del Comitato Strategico del Fondo a contrasto della povertà educativa minorile in rappresentanza del Miur che della Commissione di beneficenza della Fondazione Cariplo: un impegno a 360 gradi.

Si è un vero onore per me. Dopo l'adozione di mia figlia e gli anni trascorsi in Bielorussia ho scoperto che oltre 1 milione e 300 mila bambini in Italia vivono in povertà assoluta. Un grido che non poteva restare inascoltato, il Fondo a contrasto della povertà educativa e fondazione Cariplo sono entrambe impegnate in prima linea per estirpare questa piaga sociale che ora, a causa del Covid purtroppo è dilagata ancora di più.

 La pandemia di Covid 19 ha cambiato la vita di miliardi di persone, pensa che ne usciremo migliorati? La solidarietà post Covid avrà un’evoluzione?

Gli italiani sono da sempre un popolo solidale, sono certa che anche in questa situazione sapranno dare il meglio di sé.

 E per la sua professione ci saranno dei cambiamenti?

Sicuramente il mondo dello spettacolo a causa del Covid è in forte crisi, i teatri chiusi e i set bloccati non ci permetteranno di lavorare ancora per un bel po', speriamo questa situazione possa risolversi il prima possibile.

 MAESTRI

Maurizio Scalvini: La solidarietà della Nazionale VipSport  in campo da dodici anni»

Categoria: articoli Creato: Sabato, 05 Settembre 2020 Pubblicato: Sabato, 05 Settembre 2020

Parla Maurizio Scalvini, presidente e animatore 

di tante iniziative benefiche

«La solidarietà della Nazionale VipSport 

in campo da dodici anni»



“Aiutare chi ha bisogno non è mai un impegno banale. Nemmeno dal punto di vista organizzativo. Per riuscirci al meglio sono necessari le stesse competenze e lo stesso impegno che ognuno di noi mette ogni giorno nel proprio lavoro. Aiutare chi ha bisogno è una cosa seria. La Nazionale VipSport è nata per questo”. Si conclude così il manifesto della Nazionale VipSport, firmato dal suo presidente Maurizio Scalvini. «Per raccontare come è nata la Nazionale VipSport  - racconta Scalvini – potrei citare la famosa canzone “Eravamo quattro amici al bar…”. Noi, Franco Oppini, Stefano Tacconi e il sottoscritto, invece eravamo in un ristorante ed era il 28 maggio di dodici anni fa. Per una serie di motivi eravamo usciti da un’altra associazione e ci siamo ritrovati a ragionare sul nostro impegno per chi ha bisogno. E così abbiamo deciso di partire con la Nazionale VipSport e ci tengo a precisare che Vip non significa soltanto “very important person”, ma, e soprattutto, un “vero importante progetto”». 

Lanciata l’idea e costituita l’associazione Maurizio Scalvini ha raccolto le adesioni, oltre che di Franco Oppini e Stefano Tacconi anche di «alcuni dei concorrenti del Grande Fratello (Rosario Rannisi, Tullio Tommasino) e poi Francesco Oppini, Max Pisu, Patrizio Oliva, Daniel Ducruet e siamo partiti. In questi anni in tantissimi hanno partecipato ai nostri eventi, anche perché l’età avanza e bisogna trovare giovani leve (sorride ndr). Comunque parliamo di una cinquantina di personaggi che si alternano nelle nostre iniziative».

In dodici anni la Nazionale VipSport si è ritagliata un ruolo importante nel mondo della solidarietà e il presidente Scalvini con orgoglio ricorda: «Abbiamo organizzato una ottantina di iniziative tra partite di calcio, quelle di footgolf, cene di beneficienza e altre manifestazioni». I personaggi del team non si sono mai tirati indietro e hanno voluto dare il loro contributo al successo delle manifestazioni. «Tra le iniziative più riuscite ricordo con piacere quella di Sciacca, Rocca Franca e Bari, dove allo stadio San Nicola abbiamo registrato la presenza di venticinquemila persone». Anno dopo anno la squadra del presidente Scalvini si è rinforzata e oggi può contare su un gruppo di tutto rilievo: «Con noi ci sono i fratelli Bonetti (Dario e Ivano), Luciano De Paola, Claudio Chiappucci, la famiglia Ducruet, Francesco Rizzuto di Zelig e tanti altri tra ex calciatori e personaggi dello spettacolo». 

Per Maurizio Scalvini, quindi, parlare di solidarietà e «talmente facile, ma allo stesso tempo talmente difficile da interpretare. Le tante famiglie che abbiamo incontrato ci hanno insegnato tanto: vivere la vita dedicandosi ai loro figli, ma anche agli altri bambini e dando un senso di speranza a tutti gli altri. Solidarietà rimanda a qualcosa di solido, oggi mi rendo conto che c’è tanta voglia di aiutare gli altri, accompagnata purtroppo da un pizzico di diffidenza. Qualcuno che fa il furbo in giro c’è, però è sufficiente informarsi sulle associazioni. Mi fa molto arrabbiare chi, alla vigilia di un vento, dice non compro prima il biglietto perché se poi piove… Ma che discorso è? I soldi del biglietto vanno comunque in solidarietà, certo che a noi fa molto piacere avere una bella cornice di pubblico che contribuisce alla riuscita delle nostre manifestazioni. L’obiettivo principale resta la raccolta di fondi, anche perché nessuno della Nazionale VipSport percepisce compensi, solo dei rimborsi spese». 

Il Covid, ovviamente, ha fatto saltare anche le iniziative previste per quest’anno. «Stiamo cercando di organizzare – racconta il presidente Scalvini – qualche evento di footgolf, dove c’è la possibilità di mantenere le distanze. Non sarà semplice perché sono partiti i campionati e rischiamo di non aver abbastanza giocatori disponibili per poter organizzare un evento che permetta di raccogliere dei fondi». Maurizio Scalvini ha vissuto nella sua Brescia il difficilissimo periodo del Covid e sulla scorta di quella drammatica esperienza dice: «Sono un ottimista, ma avendo visto quello che succede attorno prevedo che alla ripresa autunnale le cose rischiano di non andare per il verso giusto. C’è un’incertezza totale che ricade, inevitabilmente, sul mondo della solidarietà. Prima anche noi della Nazionale VipSport riuscivamo a trovare delle aziende che ci davano una mano, ora è tutto fermo. La nostra attività principale si svolge soprattutto in primavera-estate e spero che per allora qualcosa sia cambiato. Incrociamo le dita».  

GATTO PANCERI «Il mio sogno? Aiutare tutti quelli che hanno bisogno»

Categoria: articoli Creato: Giovedì, 13 Agosto 2020 Pubblicato: Giovedì, 13 Agosto 2020

La solidarietà secondo Gatto Panceri: tra musica e Fede

«Il mio sogno? Aiutare tutti quelli che hanno bisogno»

Il suo nome lo deve a Pippo Baudo che a Sanremo lo invitò a cambiare quello di battesimo troppo lungo. Lui allora si ricordò del soprannome che gli avevano dato a scuola, a sottolineare la sua vivacità e non ebbe dubbi: “Gatto”. E il Pippo nazionale fu subito d’accordo. Gatto Panceri debutta al Festival di Sanremo Giovani nel 1986, presentando “Scherzi della vita”, ma la consacrazione arriva nel 1990, quando Mina ascolta un suo pezzo, “Canterò per te”, e decide di inciderlo nel suo disco, “Uiallalla”. L’album “Cavoli amari, del 1991, conteneva anche il brano Aiuto, col quale partecipa al Festivalbar di quell’anno. La grande occasione arriva nel 1992 con L’amore va oltre”. Gatto ha scritto canzoni per tanti artisti affermati. Tra tutte, “Vivo per lei”, interpretata da Andrea Bocelli e Giorgia, che ha venduto 31 milioni di dischi ed è famosa in tutto il mondo. Sempre per Giorgia, Panceri ha firmato 8 brani nel suo album “Come Thelma e Louise”. Nel periodo dell’emergenza Coronavirus Gatto Panceri ha riproposto “L'amore va oltre” in versione green, dal suo ritiro di Barzanò, nel Lecchese.  "Questa canzone è stata importantissima per me perché da sconosciuto la cantai a Sanremo Giovani e da lì  mi avete conosciuto un po’ tutti - scrive Gatto su Facebook - È la prima mia canzone che avuto successo ...è’ la mia “ bandiera, la mia “Alba Chiara” giusto per intenderci... il testo parla di una  coppia vera di miei amici di vecchia data ... lui dopo un incidente stradale in moto perse l‘uso delle gambe ... lei lo conobbe  dopo l’incidente se ne innamorò e si sposarono  ... sono passati 27 anni e sono ancora insieme felicemente  e sono dei vincenti nella vita ... L’ amore va oltre... che altro vi posso aggiungere ? Niente... ascoltatela!. Ne vale la pena”.

Gatto Panceri e la solidarietà: un binomio che dura da quando?

Subito dopo il mio primo Sanremo nel ‘92 fui chiamato da Eros Ramazzotti a giocare nella Nazionale Italiana Cantanti per raccogliere fondi da destinare a iniziative solidali. Lui ascoltando una mia intervista in una radio seppe che giocavo da giovanissimo a calcio nel Monza, la mia città natale. Mi sono aggregato con entusiasmo e si è aperto per me un mondo fatto di tante persone che hanno bisogno di aiuto. 

Che cosa è per te la solidarietà?

È fare qualcosa per aiutare qualcuno che è in difficoltà. Non importano solo i numeri; l’importante è fare qualcosa secondo le proprie possibilità. La solidarietà non è solo donare cose materiali ma anche saper donare un appoggio morale, comprensione e conforto psicologico a chi ne ha bisogno. 

Sei impegnato per dare una mano a…

A tutti coloro che ne hanno bisogno. Vorrei poterlo fare per tutti, anche se è praticamente impossibile 

Nel 1992 con “L’amore va oltre” hai vinto il premio della critica nella categoria Giovani a Sanremo. Una canzone che affrontava il tema della disabilità. 

I disabili, i poveri, i malati, i bambini, gli anziani sono coloro a cui do priorità nella gerarchia del mio impegno solidale 

Il 21 ottobre 2001 hai cantato “L’amore va oltre” invitato da Papa Wojtyla. La canzone parla di un disabile che, dopo un incidente stradale, rimane su una carrozzina ma allo stesso tempo insegna a tutti che la vita è importante: una grande emozione?

Assolutamente sì. Onorato dal fatto che il Papa volle me a rappresentare la musica in Piazza San Pietro è uno dei miei traguardi più intensi e motivo di profonda soddisfazione spirituale. Si festeggiava quel giorno la Giornata mondiale della famiglia e mai avrei immaginato che proprio io, figlio di una ragazza madre, un giorno sarei stato l’elemento aggregante collante di un appuntamento così importante che riguardava l‘istituzione della famiglia. 

Sei anche molto vicino al “Movimento per la vita”: ci spiega questa scelta?

Il “Movimento per la vita” si occupa, tra tante cose importanti, di aiutare le ragazze madri. Una questione che, come dicevo prima, mi sta molto a cuore. Mi sento particolarmente vicino a tutte le donne che partoriscono un bambino e non hanno al loro fianco un uomo, quindi quando posso sono sempre disponibile a dare il mio contributo al “Movimento perla vita”..

Hai anche un particolare rapporto con Medjugorje: come mai?

In realtà ci sono stato una volta sola. Sono andato a ringraziare la Madonna che mi ha chiesto esplicitamente di farmi vedere attraverso un amico in contatto con alcuni veggenti. E quindi sono andato in Bosnia . Credo molto nella figura di Maria protettrice di tutti i bimbi, ma in particolare degli orfani e dei senza padre . 

Questo tuo volersi donare al prossimo ha radici profonde nella Fede?

Nel mio caso sì, ma credo si possa fare benissimo  solidarietà con il cuore anche da atei . Basta amare il prossimo, non necessariamente un Dio 

Un “Gatto che ha anche un particolare amore per i cani. Ci racconti questa esperienza?

Ho una particolare empatia con i cani. Un feeling incredibile. Dopo la musica sono la mia più grande passione. Con un amico, altrettanto appassionato, ho aperto da un anno un centro cinofilo in Brianza dove sono nato e vivo. L’ho chiamato “Dolce vita da cani” e sorge a Casatenovo (Lecco).  

Con la Nazionale cantanti sei stato impegnato per venti anni: è solo una passerella o c’è dell’altro?

 Direi che c’è soprattutto dell’altro. La passerella mondana si limita alle due ore della partita ma le cose concrete arrivano dopo. Ho visto coi miei occhi materiale medico consegnato agli ospedali, acquistato grazie agli incassi delle nostre partite. Ho portato di persona carrozzine a disabili , abbiamo inaugurato sale operatorie che portano il nostro nome in parecchi ospedali e aiutato gente anche in altri paesi sparsi nel mondo. 

Ci racconti il tuo rapporto con Mogol?

Siamo amici. Lo considero il più grande autore vivente italiano. Mi ha reso felice quando mi ha chiamato al suo fianco nel 1993 a insegnare come si scrivono i testi al CET, la sua scuola che ancora sorge in Umbria.

Mogol ha rivisto il suo “Il mio canto libero”, in onore dei medici e del personale sanitario italiano in prima linea nella lotta al Coronavirus, ed è diventato un videoclip al quale hai partecipato insieme con altri suoi colleghi. Un’altra bella iniziativa.

Assolutamente sì. Giulio (Mogol) ha voluto che fossi proprio io a cantare le prime frasi di questo meraviglioso brano rivisitato per il Covid. Io sono sempre stato ispirato dal duo Mogol-Battisti e quindi sono felicissimo della partecipazione a questo bellissimo progetto.

 

Antonella Naso ha fondato l’Associazione “Teodoro Naso-Tango November” con la quale organizza incontri e convegni con campioni paralimpici

Categoria: articoli Creato: Sabato, 29 Agosto 2020 Pubblicato: Sabato, 29 Agosto 2020

 

Antonella Naso ha fondato l’Associazione “Teodoro Naso-Tango November” con la quale organizza incontri e convegni con campioni paralimpici

«La morte di mio fratello, 

la tragedia che mi ha cambiato la vita»

Un evento tragico cambia la vita. Alcuni si chiudono in sé stessi e, spesso, cadono in depressione. Altri, invece, reagiscono e mettono al servizio del prossimo la propria esperienza e la loro determinazione per evitare che possano ripetersi avvenimenti tragici come quelli che li hanno interessati. È il caso di  Naso, Antonellasorella di Teodoro, un giovane vittima di un terribile incidente che lo ha portato via ai suoi affetti a 30 anni. Per Antonella solidarietà significa «cambiare prospettiva con la quale vedere la vita, incontrare l’altro per arricchirsi reciprocamente, senza perseguire interessi egoistici o utilitaristici, vuol dire sentirsi felici nell’aver fatto stare bene chi ti sta vicino o anche lontano».

E così per lei l’impegno nel sociale prima sporadico «È divenuto il mio nuovo orizzonte da quando, con la mia famiglia, abbiamo fondato l’associazione “Teodoro Naso-Tango November”, in occasione del terribile incidente di cui è stato vittima innocente mio fratello Teodoro, deceduto all’età di 30 anni. Da allora il suo diritto alla vita è stato negato, ma anche la mia esistenza e quella dei miei familiari è sprofondata nel dolore e nella disperazione. In nome di Teodoro ci siamo impegnati a lottare per sensibilizzare e responsabilizzare in merito alla sicurezza stradale per scuotere le coscienze e migliorare la strada sulla quale rischia di interrompersi la vita di chi la percorre».

Con l’associazione “Teodoro Naso-Tango November” Antonella ha organizzato e partecipato a tanti incontri e convegni con campioni paralimpici «che hanno lasciato a tutti noi insegnamenti di vita, o anche in auditorium con centinaia di giovani che hanno ascoltato la storia di Teodoro e la nostra in assoluto silenzio, colpiti dalla durezza della realtà, ma anche dal coraggio di continuare a far sentire la nostra voce per tenere in vita Teodoro e stimolare la riflessione e il cambiamento». Un episodio in particolare si porta dentro: «Non dimenticherò le lacrime di un ragazzo il quale, rimasto paralizzato a seguito di un incidente stradale, ci ha espresso la sua emozione nel ricevere, dall’associazione a nome di Teodoro, una sedia a rotelle con strumentazione meccanica per consentirgli di salire a casa sua, al primo piano». 

È molto intensa anche la collaborazione con altre associazioni che si interessano di persone disabili come «l’AIDA onlus, la Di.Di. Diversamente Disabili, gli Amici del Lupo e altre associazioni per attività finalizzate alla solidarietà e alla sensibilizzazione rispetto alla sicurezza stradale, alla disabilità, alla mototerapia».

Per Antonella Naso donare è «un atto d’amore e mi fa sentire utile, capace di dare una mano a chi la tende in cerca di aiuto, spingere a riflettere per interiorizzare il cambiamento… o non ci sarà futuro. Dal momento che l’esistenza ci pone a confronto con numerose situazioni e di fronte a molte altre vite, le quali seguono strade che incrociano la nostra, o lo faranno, non ha senso chiudersi in un inutile egoismo sterile. L’alterità è parte di noi, perciò considero una ricchezza unica e originale la completezza che mi dona chi incontro». Antonella Naso vuole chiudere questa chiacchierata dando un consiglio a chi intende avvicinarsi al mondo del volontariato: «Inizierà un iter lungo per il quale si sentirà appagato nel rendere felici gli altri, anche in maniera silente e non visibile. Acquisirà un senso nuovo la vita e sarà vissuta pienamente…L’altro è parte di noi».

«Aver realizzato il sogno di Helèna è la cosa più bella che mi sia capitata»

Categoria: articoli Creato: Domenica, 09 Agosto 2020 Pubblicato: Domenica, 09 Agosto 2020

L’esperienza di Lino Cangemipresidente onorario di SudTrek

«Aver realizzato il sogno di Helèna è la cosa più bella che mi sia capitata»

«Non riuscivo ad accettare che gli amici diversamente abili vivessero la drammaticità delle barriere architettoniche in città. Da quel giorno ho deciso di dedicarmi a loro per dargli la possibilità di vivere la libertà che la montagna regala. Così ho iniziato a portarli per i sentieri dell’Aspromonte con l’aiuto della “Joelette”, speciale carrozzina per l’outdoor. Era il 2001».

Lino Cangemi per otto anni ha guidato l’associazione sportiva dilettantistica Sud Trek, con sede a Gioia Tauro nel reggino, e oggi ne è presidente onorario, avendo passato il testimone, e da qualche mese fa parte del direttivo dell’AIDA onlus. Da quell’idea del 2001 è nato “Diversi sentieri” che dà la possibilità a persone diversamente abili di poter stare a contatto con la natura, percorrendo sentieri poco conosciuti. Ma con lo stesso spirito è nato il progetto KidsTrek: escursioni “semplici” dedicate ai più piccoli, insegnamenti della disciplina del Nordic Walking e il rispetto assoluto della natura. I bambini sono la colonna portante della SudTrek e Cangemi spiega: «Sono entusiasti delle iniziative loro dedicate e non potrò mai dimenticare l’escursione notturna in tenda sulla cima di Montalto, in Aspromonte. Emozionati di montare la tenda, forse per la prima volta, e poi trascorrere la notte tra gli alberi sotto la magnifica statua del Cristo Redentore… in verità quella notte anche noi adulti abbiamo imparato molto dai nostri piccoli trekkers come il poter condividere la stessa esperienza con occhi diversi».

Parli di solidarietà a Lino Cangemi e lui recita a memoria la poesia di Gianni Rodari “Lo zampognaro”: “Se ci diamo la mano / i miracoli si fanno / e il giorno di Natale / durerà tutto l'anno”. «Per me “solidarietà” – dice - è una delle parole più belle e significative del nostro dizionario, un atteggiamento naturale che tutti dovremmo assumere durante la nostra esistenza». E aggiunge: «La solidarietà non mi ha arricchito, ma ha letteralmente modificato il mio Dna. Credo che i sorrisi, gli abbracci e i baci ricevuti hanno concimato il terreno della mia anima facendo così germogliare la speranza e la voglia di dare sempre di più».

L’esperienza che Lino Cangemi si porta con se è quella vissuta con la piccola Helèna: «Insieme all’amico Giovanni Falica, anch’egli impegnato nel sociale, siamo riusciti a realizzare il sogno di Helèna, una bambina meravigliosa che aveva un desiderio: interpretare per un giorno il ruolo di principessa ma non poteva entrare nel Castello di Caccamo (Pa) Grazie alla Joelette, siamo riusciti a farle visitare tutto il castello e portarla nella stanza delle dame, luogo in cui i suoi occhi hanno incominciato a brillare nel guardare i vestiti delle damigelle del tempo. La luce dei suoi occhi è il mio carburante per andare avanti in questo cammino di solidarietà».

Un’esperienza unica per la piccola Heléna, che ha restituito a Lino Cangemi una energia incredibile che gli fa dire. «Non sono nessuno per dare consigli, ma posso sicuramente confermare che l’immersione in questo mondo è magica, infatti non si sente la stanchezza e si è sempre felici dentro il cuore».linoreno.jpg

 

Sottocategorie

Facebook