L’AIDA onlus ancora una volta a fianco dell’UNITALSI.

Pubblicato: Lunedì, 15 Giugno 2015 Stampa Email

{AG}10-6-2015{/AG}

Grande successo per “Bimbimbici” (RC )
Il nostro Luigi Sammartino da Salerno con la sua handbike a Roccella Jonica

La migliore edizione è stata senza dubbio quella di quest’anno. Bimbimbici ha confermato Roccella Jonica come paese della biciletta, come certamente era naturale che fosse visto che la cittadina jonica possiede la pista ciclabile piu’ lunga della Calabria. La tredicesima edizione di Bimbimbici è stata un successo straordinario di partecipazione e ricca di tantissime novita. Non a caso la coincidenza con il 2 Giugno Festa della Repubblica, vista l’occasione la festa dei bimbi in bici si è trasformata in una dimostrazione con tanto di stand ed automezzi delle forze dell’ordine. Hanno partecipato l’AIDA onlus presieduta da Nazareno Insardà, Polizia e Carabinieri, la stradale, le unità cinofile, la polizia scientifica e persino la polizia locale con un vero e proprio corso sui segnali stradali per i più piccini. Centinaia le biciclette iscritte all’evento organizzato dal Comune Roccellese assieme all’UNITALSI sottosezione di Locri. Ai partecipanti sono state consegnate le magliette dell’evento, una bandierina italiana da attaccare sulla bici e poi dopo l’arrivo un sacco per il ristoro con tanto di acqua, succo di frutta, panino con nutella e merendine. Allo start in prima linea anche i ragazzi diversamente abili che con bicilette speciali non hanno assolutamente sfigurato. Soddisfatta l’assessore allo sport di Roccella Jonica Alessandra Cianflone, che assieme al presidente dell’UNITALSI Maurizio Villari ha coordinato l’organizzazione dell’evento.La passeggiata è durata poco più di un’ora, le tante bici hanno percorso l’intero lungomare fino al porto delle Grazie e poi il ritorno fino alla fine del lato sud per ritornare al traguardo posizionato proprio all’altezza di Piazza San Vittorio. Un finale in simpatia con l’estrazione di una bici e tanti altri premi. Bimbimbici ha confermato, sempre se ce ne fosse bisogno, che nel paese della bandiera blu, la vocazione all’utilizzo del mezzo ecologico a due ruote è cosa comune.

Visite: 855

Facebook